Il marito prima dei figli?

fred-wilmaAmber Doty dichiara di amare suo marito più dei suoi figli e spiega perché, a beneficio di tutta la famiglia, suo marito verrà sempre prima dei suoi figli: per formare un modello di coppia felice, da cui i figli prenderanno esempio; per ridurre i rischi di divorzio, così i figli cresceranno con entrambi i genitori; per avere accanto un partner felice e non un estraneo quando i figli se ne andranno.

Le priorità citate ad esempio sono meno dirompenti delle affermazioni che le annunciano: i figli solo di rado saliranno sul lettone; i genitori andranno in vacanza da soli se potranno permettersi solo una vacanza all’anno; la sera quando vorranno stare tra loro due chiederanno ai familiari di far da baby sitter. Nulla di straordinario, a parte mollare i figli per le vacanze.

A dar fastidio sono le perentorie dichiarazioni di priorità. E’ assurdo decidere che un membro della famiglia venga a priori prima degli altri, senza valutare persone e situazioni: il partner, se sta bene, è indipendente e autosufficiente, i figli nell’infanzia no. Voler stabilire chi deve avere sempre la precedenza e sentire anche il bisogno di formalizzarlo in pubblico, implica una idea competitiva e  gerarchica delle relazioni che si concilia poco con un modello di felicità familiare.

In ultimo, se può esser vero che i genitori non devono annullarsi per i figli, perché la moglie dovrebbe scegliere se annullarsi per i figli o per il marito? Credo sia opportuno che ciascuno metta al primo posto se stesso e poi sappia amare gli altri come se stesso. Qualche che sia il significato dell’affermazione di Amber Doty, il significante è brutto.

2 pensieri riguardo “Il marito prima dei figli?”

  1. Questa Amber Doty, chi è? Da dove viene fuori?
    Mettere da parte i propri bisogni per i figli, no! Ma per il marito si? Per formare un modello di famiglia gerarchica e apparentemente felice, da dare esempio ai figli. Cosa c’è di nuovo? Nulla, è la classica famiglia borghese. Una famiglia autoritaria e ipocrita che da secoli devasta i rapporti di coppia. Dove uno, (la donna) dovrà rinunciare alla propria indipendenza, alla propria libertà in pratica alla propria vita, per salvaguardare le apparenze di una famiglia felice, per non modificare i rapporti di potere sociali.
    Io ho due figli, non mi sono mai sacrificata per i figli. Certo quando arrivano i figli, la tua vita cambia, cambia la tu responsabilità, hai delle persone da accudire, da seguire, che prima non avevi. Fin dall’età di un anno, i nostri figli sono sempre venuti con noi, Spagna e Portogallo e in campeggio. Certo, non puoi stare una giornata al Prado, con i bambini piccini, ma una, due ore si, e questo non è certo un sacrificio. I figli non sono solo della madre, ma anche del padre, gli stessi compiti di normale gestione della casa, se gravano su uno possono essere un sacrificio, ma se la coppia collabora, distribuisce il peso. Io ora sono separata, ma il mio ex, è stato un buon compagno e un buon padre, molto presente. Io non mi sono mai sacrificata ne per i figli ne per il compagno, ne ho mai chiesto a lui sacrifici per me, perchè nessuno deve sacrificarsi ma collaborare. L’ egualitarismo e la democrazia in due + i figli + gatto+cane è facile da attuare, non si capisce (retorico) perchè riproporre modelli gerarchici dove se ne può fare a meno.

    Mi piace

  2. Di preciso chi sia non lo so. C’è un’associazione che si chiama Your Tango, che tiene un blog sull’Huffington Post. Tra i suoi articoli, ha pubblicato quello di Amber Doty, che credo faccia parte dell’associazione. L’articolo viene rilanciato da qualche mese sulla pagina FB dell’HuffPost. Alla quarta volta che l’ho incontrato, l’ho commentato.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...