Bullismo militante

bullismo

Le persone nobili parlano di idee, le persone mediocri parlano di cose, le persone meschine parlano di altre persone (frase della Torah).

Le altre persone sono il tema prevalente del polemismo politico, che occupa tanta parte del dibattito politico. Un polemismo che molte volte è bullismo militante.

Vari pubblicisti incorporati in un gruppo prendono di mira l’avversario del loro leader e lo demoliscono un po’ tutti i giorni. In sostanza di lui dicono sempre due cose: è un idiota, è un disonesto.

Se i dati costitutivi dell’avversario (o dell’avversaria) si prestano, non mancano gli insulti razzisti, sessisti o estetici.

Una variante di questo genere di articoli sono video tratti da talk show postati sui social media, con una presentazione di questo tipo: il tal dei tali ha azzittito, stracciato, asfaltato, annichilito, distrutto, etc. il tal altro.

Gli stessi autori di testi e video si impegnano nella divulgazione delle loro opere: raccomandano ai seguaci di condividerle, accumulano fans su pagine autocelebrative. Si tratta in media di autori colti e intelligenti; più un’aggravante che una compensazione.

Rimane il mistero del motivo che li porta a svilire in questo modo le proprie qualità. Salvo paragonarli a quei laureati, diplomati, individui variamente titolati e qualificati, costretti ad accettare lavori e mansioni inferiori al proprio livello intellettuale e culturale, pur di avere un reddito.

In fondo, non è del tutto giusto prendersela con loro. Piuttosto con i loro capi politici ed editoriali, i quali, invece di vergognarsene, pensano di aver bisogno di un sostegno così tossico.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...