Sa difendersi da sola, va lasciata sola?

De Luca vs Bindi

Quando ho ritenuto opportuno difendere una persona, specie se la persona era una donna, mi sono trovato di fronte questa obiezione: lei sa difendersi da sola. Come se il mio fosse un atto di cavalleria, di tutoraggio, o un atto pratico, che presta parole ad una meno capace di esprimerle.

La minoranza del PD ha protestato, perché Matteo Renzi non ha difeso Rosy Bindi dall’attacco televisivo di Vincenzo De Luca, che le ha attribuito un atto infame, l’ha definita impresentabile da ogni punto di vista e le ha rimproverato la sua stessa esistenza. Tutto questo, perché Rosy Bindi ha applicato il regolamento della commissione antimafia entro la scadenza delle elezioni regionali, con l’indicazione degli impresentabili. Le parole di De Luca sono state censurate da Maria Elena Boschi solo dopo una intera giornata, come è stato notato da alcuni giornali.

I renziani sono deboli a livello locale e nel sud; hanno difficoltà a pronunciarsi contro il notabile governatore della Campania; inoltre, nel merito sono più d’accordo con lui, pur imbarazzati dai suoi toni. Rosy Bindi è di certo capace a difendersi da sola, ma il punto è: da che parte stanno i renziani, come pensano di gestire la convinvenza nel partito, se lasciano che una esponente della minoranza, responsabile di una carica istituzionale, sia insultata in questo modo da un discusso e molto subito esponente della maggioranza.

Questo è il punto per me. Se una persona è attaccata ingiustamente o in modo scorretto, davanti a me, io sento il bisogno di chiarire dove sto. Perché l’unico modo di non essere indifferente o connivente con gli offensori, è chiarire che sono solidale con lei, per quanto brava a difendersi da sé.

5 pensieri riguardo “Sa difendersi da sola, va lasciata sola?”

  1. A me comunque non pare brava a difendersi da sola, fin dal famigerato attacco televisivo di Berlusconi in cui le venne detto che era “più bella che intelligente”. Purtroppo nei confronti di un uomo, mettiamo, il solito Brunetta, l’attacco razzista scatta solo in ambito di satira. Dico “purtroppo” non perché desideri il massacro sui due fronti, dico “purtroppo” perché ci viene a mancare il senso della misura. Due pesi e due misure, infatti.

    Mi chiedo dunque come mai non si parli di sessismo. Per una volta che è chiaro come il sole questo sia un evidente caso di sessismo.

    Mi piace

  2. Gli disse «Non sono una donna a sua disposizione». Fu una risposta molto dignitosa. Nel silenzio degli altri ospiti maschi presenti. Poco prima era stata insultata da Castelli.
    Gli attacchi a Rosy Bindi, per contenuti e sproporzione, hanno una notevole motivazione sessista. Penso sia vero anche nel caso di De Luca.
    In proposito, poco tempo fa ho pubblicato un articolo di Franca Fortunato. Rosy Bindi e la misoginia imperante a destra e a sinistra.

    Mi piace

  3. Sì, mi ricordo la frase che citi “non sono una donna a sua disposizione”. Non mi pare una grande “difesa”. Anzi è una pessia uscita, perché attacca l’avversario colpendolo su quegli aspetti che in quegli anni a Berlusconi venivano rinfacciati come sessismo ma sessismo non erano (B fa un po’ quel che gli pare con le donne a sua disposizione). Non so se mi spiego, B può avere un parco di donne fighissime a sua disposizione, anche minorenni (non è reato scopare con una 17enne), ma ciò non c’entra un tubo con l’attacco sessista che rivolge alla Bindi.

    Capisci dunque che sia Silvio che Rosy sono vittime di un Italia becera, puritana, piccolo borghese, fascista, dunque sessista (e sessuofoba). Non puoi zittire una donna per il suo aspetto fisico (RAZZISMO – SESSISMO). Fosse stata una strafiga che le diceva, “stia zitta lei che è sempre più gnocca che intelligente”? Certo! Sessismo per sessismo la donna non ne esce mai viva. Altrimenti che sessismo sarebbe?

    Bindi non è in grado di difendersi da sola dagli attacchi sessisti perché la sua difesa è intrisa della stessa cultura retrograda che alimenta il sessismo. La prima volta che ho scritto questa cosa c’era Zanardo a leggermi. Ora ci sei tu.

    Siamo lenti. Troppo lenti.

    Mi piace

  4. E cosa ti disse Lorella Zanardo?

    Per Berlusconi le donne sono una risorsa disponibile come qualsiasi altro bene. Il modo in cui si comporta con le donne e il modo in cui parla delle donne è coerente. Perciò, con molta pertinenza, Rosy Bindi gli ha dato quella risposta.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...