L’incomprensione per la comprensione del terrorismo

Mauro Biani - Stili di vita

Vi è, a destra, tra i neoconservatori, dalle parti del Corriere della Sera, una incomprensione, un fastidio, verso i ragionamenti che provano, oltre a condannare, a comprendere il terrorismo.

La comprensione proviene da aree politiche sospette, perché troppo a sinistra, perché un po’ terzomondiste e cattoliche, perché legate alle comunità islamiche. Aree politiche le quali forse pensano che l’occidente sia cattivo quanto i terroristi, forse di più. Così, il rifiuto della comprensione è diffidenza e avversione verso queste aree.

I ragionamenti comprensivi parlano del passato coloniale; del presente di guerre occidentali; dell’esclusione sociale dei giovani figli degli immigrati nelle banlieues e vedono il terrorismo come un effetto. A questi ragionamenti si oppone la condizione di questo o quel terrorista di estrazione benestante o le ricchezze dei capi del jahdijsmo, l’arretratezza, il fanatismo, la violenza dell’islam, etc. Io mi riconosco meglio nei ragionamenti comprensivi.

Oggi, l’Unità scrive che combattiamo il terrorismo con la nostra banale normalità. Penso sia insufficiente, finché questa banale normalità non potrà essere condivisa anche da siriani, iracheni, libici e dagli altri popoli mediorientali investiti da guerra e miseria. La rete per i diritti umani in Siria, che monitora la violazione dei diritti umani in quel paese, ha fatto un bilancio di 18 mila minori uccisi dal governo siriano dal 2011; di 86 minori uccisi dai bombardamenti russi in un mese e mezzo; di 75 minori uccisi dalla coalizione Usa in quattordici mesi. Vittime che ignoriamo, ci sono del tutto estranee, ma che sono dolore e lutto per migliaia di persone.

Anche se detesto il terrorismo e l’islamismo violento – ho provato pure sentimenti di soddisfazione nel leggere della possibile uccisione di Jihadi John o dell’uccisione del miliziano che ha decapitato guerrigliere curde, sentimenti che in genere non provo alla lettura di queste notizie, è un principio di disumanizzazione provarne – sono propenso a concentrarmi sulle condizioni favorevoli al terrorismo determinate dall’emarginazione sociale in Europa e dai rapporti coloniali e neocoloniali in medio oriente.

Gruppi che fondano la loro identità sulla pratica violenta di una fede politica o religiosa sono esistiti in passato, esistono oggi, esisteranno in futuro. Per loro, non c’è comprensione, se non quella che può dare uno psichiatra o uno psicanalista. A volte però succede che questi gruppi riescano ad innestare il delirio su ragioni politiche e sociali: povertà materiale, esistenziale, contrapposizioni comunitarie, sentimenti di umiliazione di popoli sconfitti.

È stato scritto che l’Isis è come il nazismo. Bene. Nel ragionare sul periodo tra le due guerre mondiali, tendiamo ormai a condividere l’idea che gli stati democratici abbiano avuto una pesante responsabilità nell’infliggere alla Germania un trattato di pace molto punitivo e che questo abbia favorito in quel paese l’affermazione del nazismo. Non per questo riteniamo che tali riflessioni inducano all’indulgenza verso il nazismo. Però, se potessimo rifare la storia, il trattato di Versailles lo faremmo diverso.

Allo stesso modo, per prevenire, contrastare, depotenziare il terrorismo islamista, oggi molti di noi rifarebbero diversamente i modi in cui conviviamo con gli immigrati di seconda, terza generazione e i modi in cui ci rapportiamo ai popoli del medio oriente. Dato che la storia è ancora in corso e tante guerre sono fallite, a rifare quei rapporti siamo ancora in tempo.

2 pensieri riguardo “L’incomprensione per la comprensione del terrorismo”

  1. Cercare di conoscere e comprendere non significa condividere o giustificare. Personalmente ho impostato la mia vita come percorso di conoscenza e comprensione a partire da me stessa. Talvolta chiudersi appare la strada più semplice e meno spaventosa ma è un’illusione che può portare ad avere più paura. Ci vuole coraggio a guardare in faccia il male, a cercarne le radici.

    I fenomeni socio-politici sono complessi, i nessi di causa ed effetto possono essere vari ed avere radici lontane, per questo è uno sforzo cercare le origini e le cause. Se non impariamo dai nostri errori cosa ci rimane?

    Mi piace

  2. come mai i tanti immigrati messicani e latino-americani e i loro figli che vivono negli USa (per non parlare degli asiatici, degli indiani e di tutti gli africani non musulmani) non si danno al terrorismo? Eppure anche loro vivono in condizioni di povertà, emarginazione sociale, anche loro soffrono o hanno sofferto il razzismo.considerando poi torti storici anzi i crimini che gli USA hanno commesso nell’America centro-meridionale ma pure in Indocina, crimini per i quali nessuno ha pagato, si può dire che un nicaraguense e un vietnamita avrebbero molti più motivi per odiare gli Stati Uniti e l’Occidente..molti più di quanti non ne abbia un arabo musulmano.
    Se è vero come è vero che non tutti i musulmani sono terroristi anzi la maggioranza di loro non lo è,è anche vero che oggi quel genere di propaganda ha successo sopratutto tra giovani persone di famiglie musulmane e non su altre persone che vivono condizioni di povertà molto simili a quelle di un giovane di origine araba che vive nelle banlieue
    Solo colpa dell’occidente?

    beninteso l’occidente ha le sue colpe, prima fra tutte aver lavorato per distruggere tutti i regimi laico-nazionalisti del medio Oriente

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...