La stabilità si fonda sul consenso reale

Elezioni Spagna 2015

Dalle elezioni spagnole esce un sistema quadripartito. I governanti italiani ne ricavano l’utilità e la giustezza della nostra legge elettorale: l’italicum. Con la nuova legge elettorale italiana, gli spagnoli andrebbero al ballottaggio per scegliere tra i primi due. I nostri governanti sono convinti che un tale sistema garantisca un governo stabile.

In realtà, non ve n’é alcuna prova e i partiti spagnoli, nei programmi o nelle dichiarazioni dei loro leader, chiedono di correggere la legge elettorale in Spagna in senso più proporzionale. E’ un orientamento logico: il sistema elettorale, come un vestito comodo e calzante, deve adattarsi al sistema politico, invece di volerlo forzare o predeterminare. Peraltro, il bipartitismo è in crisi anche in Francia, Inghilterra e Germania, paesi con sistemi elettorali diversi tra loro.

Negli anni, il proporzionale spagnolo ha espresso governi più stabili dei vari sistemi maggioritari italiani. Non è detto che l’attuale situazione spagnola dia luogo ad un governo instabile, solo perché sarà un governo di coalizione. In Germania i governi di coalizione sono durati intere legislature. Così come non è detto che in Italia l’Italicum produrrà governi stabili solo perché consegnerà l’esecutivo ad un singolo partito.

Il governo italiano in carica ha problemi di stabilità non per via delle divisioni interne alla coalizione che lo sorregge, ma per via delle divisioni interne al Partito democratico. Il PD e Forza Italia sono, al loro interno, più divisi e rissosi di una coalizione. Il M5S gestisce la propria dialettica interna con ripetute espulsioni. Non c’è motivo di ritenere che uno di questi partiti saprà meglio disciplinarsi e rimanere unito solo perché la legge elettorale gli consegnerà una maggioranza assoluta, ancorché artefatta.

La stabilità dei governi, con premier, ministri e base parlamentare intenti tutti i giorni a leggere i sondaggi, non è data da maggioranze truccate nelle urne, ma dal consenso reale nel paese. Senza il consenso, coalizioni, partiti e correnti, si dividono ed anche un singolo leader può finire con l’avere idee confuse e contraddittorie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...