La «donna trivellata» e la questione del politically correct

boschiCome incipit del suo editoriale, Marco Travaglio scrive: Ieri Matteo Renzi, in grandi ambasce per Mariaele, che nel mentre veniva trivellata dai pm di Potenza, ha dichiarato guerra alla procura lucana. Il pezzo, che gioca sul doppio senso di un triste slogan referendario, è ripreso e denunciato su Twitter da Stefano Esposito.

Forse in alcuni ambienti, Marco Travaglio fa lo stesso effetto dell’Islam e trasforma tutti in femministi, anche i più insospettabili. Forse il senatore Esposito ha imparato dalle sue esperienze, dalla scrittrice Silvia Ballestra, da Marta Notav, ed è davvero migliorato.

Marco Travaglio e il Fatto Quotidiano, come d’altra parte il M5S, sono soliti sfoderare il sessismo contro le proprie avversarie politiche. I difensori di Travaglio dicono sia l’unico ancora capace di ribellarsi al politically correct.

La questione del politically correct è questa: se sei un incivile, ti impone di nascondere la tua inciviltà sotto il tappeto. L’avversione all’ipocrisia dice: No, l’inciviltà se esiste è meglio sia espressa. Per me, è una questione irrisolta, perché il linguaggio incivile può essere violento. Ad ogni modo, nascosta sotto il tappeto o esposta nell’editoriale in prima pagina, sempre di questo si tratta: di inciviltà.

Al riparo da accuse, che reputano strumentali o che proprio non comprendono, i giornalisti del Fatto, questa loro inciviltà sessista, potrebbero finalmente iniziare a guardarsela.


Riflessi antifemministi

RondolinoAlla denuncia di Esposito si è aggiunta quella di Fabrizio Rondolino. Per riflesso berlusconiano, ne fa una occasione di polemica contro il movimento delle donne, con il trito «dove sono le femministe?» Attribuisce loro una incoerenza invece tipica dei maschi che usano la difesa delle donne (le proprie), per combattersi tra loro, quindi una incoerenza sua.

Se il giornalista dell’Unità consulta pagine e blog femministi, può vedere che proteste e critiche al Fatto ne sono state prodotte molte, tanto da completare la sua rubrica quotidiana per il resto dell’anno. Gli segnalo tra gli altri un post di Michela Murgia.

Il Fatto Quotidiano in passato ha pubblicato gli articoli misogini di Massimo Fini; articoli che negano il femminicidio e sostengono l’esistenza della Pas a firma di avvocati mascolinisti; articoli insolenti contro i centri antiviolenza e in difesa delle canzoni di Fabri Fibra inneggianti la violenza e lo stupro, da volerle cantate al concerto del primo maggio; articoli insultanti e dileggianti contro Laura Boldrini. Quando il Fatto pubblicava tutte queste cose, a reagire Rondolino non c’era.


Riflessi difensivi

Vignetta di Vauro GuardaboschiMarco Travaglio si difende. Dice di non avere l’ossessione del sesso. Quando pensa a trivella non pensa ad un atto sessuale e quando scrive che i pm di Potenza trivellano questo o quel politico o politica pensa a magistrati che investigano in profondità. Cita l’Avvenire che, per criticare la propaganda astensionista di Renzi, titola: «I vescovi trivellano Renzi» e spera non si pensi che quel titolo sia sessista al contrario.

Il fatto è che il sessismo al contrario non esiste. Trivella riferito a Renzi non è fraintendibile, riferito alla Boschi si, specie su un giornale dove la Boschi è oggetto di commento per le sue scollature, le sue gambe, le sue caviglie, i suoi piedi, ed è ritratta su vignette allusive in prima pagina.

Non essere ossessionati dal sesso (e meno male), non vuol dire poter essere indifferenti al sessismo ed esprimersi come se non esistesse. Dopo che due donne ti hanno dichiarato di aver percepito come incivili e violente le tue parole, non possono essere le tue intenzioni autocertificate a dare loro una misura.


Vedi anche:
[>] Mariaele e il sessismo bipartisan | Giulia Giornaliste
[>] Marco Travaglio, trionferà solo l’inciviltà se continuiamo a usare le parole come pietre – Nadia Somma, Monica Lanfranco
[>] Continuiamo a denunciare il linguaggio sessista | Se non ora quando – Torino
[>] Marco Travaglio: “Maria Elena Boschi trivellata dai magistrati di Potenza”. Insorge il Pd: “Non rispetta il corpo delle donne” | Laura Eduati, HuffPost, 05/04/2016

2 pensieri su “La «donna trivellata» e la questione del politically correct”

  1. a questo giro sono d’accordo. certe battute sono inutili anche perchè non fanno ridere ed esprimono carenze di argomentazioni. e poi Travaglio è un giornalista, non è kotiomkin

    Mi piace

  2. Ovvero, quando accade che bisogna per forza dimostrare di avere ragione, perché mentre Travaglio poteva e può dire a buon titolo che ‘trivellare’ non è una definizione ‘sessista’, il signor Lizzi può invece farsi giudice del pensiero e l’idea di Travaglio e continuare a vedere il sesso, e quindi il sessismo, nella definizione della Boschi ‘trivellata’.

    Io penso che per insistere su di un argomento così debole e indimostrabile (e anche se fosse, a pensarci bene?) significa che forse il signor Lizzi potrebbe anche pensare più seriamente a come LUI guarda le donne. che poi la Boschi sia una donna ‘bella’ e che se ne approfitti è solare come dire lo stesso della Belen Rodriguez. Se poi Lizzi pensa che l’argentina può avere fatto successo grazie alla sua simpatia e non a tutto il resto prego, faccia pure. Quando scende dalla nuvoletta dei sogni ‘antisessisti’ ce lo faccia sapere, ce ne faremo una ragione.

    Ma la cosa più comica è che in tutto questo A) l’argomento dello scandalo trivellopoli viene totalmente omesso da queste polemiche da parrucconi chic e insofferenti e B) che di tutto quel che ha detto Travaglio nessuno ha commentato nulla tranne la frase ‘trivellare’.

    Ora io mi chiedo come possa un uomo ‘intellettuale’ riuscire a passare così tanto tempo ad accusare altri di quel che evidentemente è soltanto nella sua testa. Evidentemente, Lizzi ha qualche assonanza misteriosa (e con lui, gli altri) per la ‘trivellazione sessista’ della Boschi. Salvo poi accusare il resto del mondo di pensare quel che gli frulla in testa a lui stesso.

    Eppure è questa autofagia intellettuale che ha condannato (giustamente) la sinistra all’irrilevanza. E ancora non lo capiscono. E continuano a sentirsi ‘moralmente superiori’ quando non capiscono (o non gli importa) il senso di articoli che non hanno a che fare col sesso. Ma che glielo dico a fare, al Lizzi. E’ convinto che la Boschi possa essere soltanto trivellata, dopotutto.

    Ma non vorrei poi sentirmi dire di essere quel che rimprovero di essere al Lizzi (ovvero uno psicologo moralista e narciso), per cui farò finta di non pensare alla gang bang che secondo il Lizzi Travaglio alludeva, con i giudici tutti addosso alla Boschi come in un film in stile Moana.

    Gli Déi rendono pazzi coloro che vogliono perdere.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...