La rivoluzione in corso

porta

Una serie di messaggi depressivi sul tema delle molestie, evidenzia le differenze tra gli Usa e l’Italia, per dire che nel nostro paese le donne di successo continuano a tacere o a difendere gli uomini accusati; quindi ritiene che la più tiepida ribellione femminile in Italia sia destinata a rifluire: tutto tornerà come prima. Oppure: le donne non denunceranno mai. Questo pessimismo è comprensibile, ma confonde rassegnazione e impazienza e, forse, un mal celato tifo per gli uomini, che peraltro ne hanno molto bisogno.

Da almeno tre decenni il pregiudizio sessista si è rovesciato nella credenza che le donne siano meglio degli uomini. Lo pensano più le donne degli uomini, ma quelle e quelli che lo pensano, insieme, fanno la maggioranza. Donne migliori significa donne più credibili. Infatti, netta è la maggioranza femminile a dar credito alle accusatrici; consistente la minoranza maschile. Insieme fanno di nuovo la maggioranza dell’opinione pubblica. Il femminismo, uscito dalle sue nicchie, gode di buona salute, tanto da essere divenuto persino un brand per campagne di marketing. Anche se le sue aspirazioni di fondo sono ancora irrealizzate, il femminismo sembra orientare il senso della storia e trascinare con sé una parte crescente degli stessi uomini.

Quella storia che è sempre stata così, nel momento in cui viene nominata, cambia di significato e non può più essere così. Il distacco degli uomini di mondo è un’arma spuntata. Come lo sarebbe nella fiaba «I nuovi vestiti dell’imperatore»: due imbroglioni convincono il re di aver tessuto un abito elegantissimo invisibile agli indegni. I cortigiani, per timore dell’accusa di indegnità lodano il nuovo abito che non c’è. Lo stesso fa persino il re e poi tutto il popolo che lo vede sfilare abbigliato di niente. Finché un bambino esclama: il re è nudo! A nulla sarebbe valsa l’obiezione: tanto lo sapevamo. Rotto il velo di silenzio, rotta l’ipocrisia.

Le nuove tecnologie, la rete, i social media, tra i molti difetti, hanno alcuni pregi: rendono facile e veloce la comunicazione e mettono in contatto le persone con interessi comuni, nonostante le distanze. Questo relativizza l’isolamento delle persone e il potere dei media nel decidere l’agenda dell’informazione. Le denunce amplificate dai grandi giornali sono state precedute da tante denunce di donne comuni contro uomini comuni sui social. Alcune di queste denunce hanno anche assunto rilevanza mediatica come quelle contro le molestie per strada o contro i gruppi di stupro virtuali. Ormai un flusso di comunicazione si è aperto. Con la coscienza femminista, la rottura dell’incantesimo omertoso, e la disponibilità delle nuove tecnologie, far tornare tutto come prima diventa molto improbabile.

Che le donne di successo non denuncino, anzi continuino a difendere gli uomini, dice solo di un punto di partenza più arretrato, non di un progresso mancante. Se le donne di successo traggono ancora qualche vantaggio dal compromesso con il patriarcato, sono comunque una minoranza destinata a ridursi. Una ragione materiale, per la quale è difficile tornare indietro, si aggira nei paraggi del pensiero di una giovane pornostar, la quale coglie un punto, pur collocandolo dal lato sbagliato. Lei vede il sesso femminile come risorsa scarsa. Ho fatto in proposito le obiezioni del caso, ma ne ho saltata una.

Nello scambio tra sesso e potere, le donne possono darci tutto il sesso che vogliamo; noi non possiamo dar loro tutto il potere che vogliono, perché sono donne sempre più istruite, coscienti, ambiziose. Insieme con l’incantesimo, si è rotto un equilibrio. I nostri uomini potenti, non sono in grado di fare di ogni donna desiderata una diva, una ministra, una assunta, una promossa, perciò devono illudere, imbrogliare, costringere, finché si forma una massa di donne capaci di mettere in atto una class action micidiale, che sposta il giudizio d’indegnità. Se in Italia non succede ancora abbastanza, succederà sempre di più. Questa è la direzione.


Riferimenti:
[^] Selvaggia Lucarelli – Non c’è alcuna rivoluzione (…) in corso – FB 20.11.2017
[^] Maria Cecilia Guerra – Perché le donne continueranno a non denunciare le violenze sessuali – HuffPost 24.11.2017
[^] Claudia Torrisi – Molestie sul lavoro: perché in Italia un caso “Weinstein” non c’è e non ci sarà – Valigia Blu 23.10.2017

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...