Primo proteggere le vittime

Il sistema giudiziario è designato a proteggere gli uomini dal potere superiore dello stato, ma non protegge le donne o i bambini dal superiore potere degli uomini. Esso fornisce, perciò, forti garanzie per i diritti degli accusati, ma nessuna garanzia per i diritti della donna vittima di violenza. Se ci si proponesse di ideare un... Continue Reading →

L’amnistia e il sovraffollamento carcerario

Nel giorno di Pasqua, a Roma, i radicali hanno marciato e chiesto l’amnistia, per liberare le carceri sovraffollate. Nel novembre 2016, 54 mila detenuti occupavano uno spazio previsto per 49.700 persone. La causa radicale è giusta e corrisponde ad un principio costituzionale: le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla... Continue Reading →

Davigo e la corruzione politica

Sono contro il qualunquismo e penso che la politica sia l'arte più nobile ed il migliore dei poteri. Per molto tempo, mi sono infervorato nello spiegare che i politici e i partiti non sono tutti uguali. Ciò nonostante, nel conflitto tra politica e magistratura, mi sento più solidale con la magistratura: riconosco più credibilità a... Continue Reading →

Solidarietà a Ilaria Cucchi

Ilaria Cucchi è una donna a cui è stato ucciso il fratello sotto custodia cautelare e a cui è stata negata verità e giustizia per sei anni. Questo è sufficiente per provare solidarietà e comprensione nei suoi confronti, quale che sia la sua netiquette. A differenza del Corriere della Sera, che oggi la paragona niente... Continue Reading →

Risentimento garantista

Succede che un personaggio pubblico, in genere un politico o un imprenditore, sia indagato, processato e assolto. Al momento della sua assoluzione, lui, i suoi amici e simpatizzanti lamentano l’ingiustizia delle accuse e la rinfacciano agli avversari, all’opinione pubblica, ai pubblici ministeri. È uno sfogo comprensibile, anche se non si comprende dove questa espressione di... Continue Reading →

PD in contraddizione tra Marino e De Luca

Stavolta ha ragione Stefano Esposito: bisogna usare per De Luca lo stesso metro usato per Marino. In verità, l'analogia è ingenerosa nei confronti di Ignazio Marino, che con ogni probabilità è stato solo sprovveduto nell'affidarsi ad uno staff che ha pasticciato nel registrare rimborsi spese di modesta entità, incrociando in ritardo e a caso le... Continue Reading →

Il pretestuoso e il pilota automatico

Ho visto il confronto televisivo tra Dario Nardella, renziano sindaco di Firenze e Marco Travaglio, direttore del Fatto Quotidiano. Tutti e due netti e perentori nel dire: il sindaco Marino ha mentito sui rimborsi spese, non può più avere la fiducia dei cittadini, deve andarsene. Unica differenza, il rimprovero di Travaglio a Nardella di non... Continue Reading →

Reclusione e riabilitazione

L’aumento delle pene è inutile se la misura vuole avere un effetto deterrente per i delinquenti o peggio un effetto propagandistico a favore dell’immagine del governo in apparenza determinato nella lotta alla criminalità. E’ il caso degli aumenti di pena per i reati di furto, previsti nell’ultimo ddl sul processo penale. L’aumento di pena può... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: