L’anticomunismo del teologo democratico

L'armata rossa a Berlino 1945

Invece di un rozzo opinionista di destra, stavolta ad equiparare comunismo e fascismo c’è un intellettuale cattolico democratico, Vito Mancuso, un teologo, allievo di Carlo Maria Martini. Ne sono sorpreso. Forse, la distanza della storia e l’immediatezza di facebook inducono alla memoria sintetica. Secondo il teologo, il divieto della propaganda fascista implica quello della propaganda comunista, perché la violenza è l’essenza dei due movimenti; la distinzione nel comunismo tra ideale e reale, lui la respinge – e qui si sente marxista – perché la verità è nel reale.

Sul piano pratico, trovo la proposta difficile da applicare e giustificare. Si tratterebbe, immagino, di vietare il saluto a pugno chiuso, lo sventolio della bandiera rossa, il canto rivoluzionario, la campagna elettorale di Rifondazione, la divulgazione delle opere di Marx, Engels, Lenin, Gramsci, gli scritti, i discorsi, le interviste di Togliatti, Longo, Berlinguer, Amendola, Ingrao; la pubblicazione del Manifesto; la manifestazione dell’idea di abolire la proprietà privata e di mettere i beni in comune. Il professore non è entrato nei dettagli. Il reato di apologia del fascismo è collegato al divieto costituzionale di ricostituire il partito fascista. Un reato di apologia del comunismo a cosa potrebbe collegarsi? Il PCI si è sciolto di sua volontà nel 1991. Bisogna vietarne la ricostituzione nel 2017? E perché mai?

Rifiutare in assoluto la violenza, sul piano teorico, per me è insensato. La rifiuto in un ordinamento pacifico e democratico e la considero una scelta possibile nel contesto di un ordinamento censitario, una dittatura oppressiva, un’invasione straniera. Così, distinguo la violenza delle Brigate rosse da quella delle brigate partigiane. So giudicare la violenza solo in relazione alla sua motivazione. Nel fascismo, la violenza è funzione del nazionalismo, del razzismo, della supremazia di un capo e di un partito; una esaltante dimostrazione di forza che ha valore in sé. Nel comunismo, è una reazione alla violenza delle classi dominanti, una necessità dettata dalla preclusione di vie più pacifiche e democratiche; un mezzo; in sé non ha valore e non forgia un’identità.

Sul piano storico, il fascismo è andato al potere con il consenso delle classi dirigenti. La violenza l’ha usata per schiacciare le opposizioni alle classi dirigenti: le organizzazioni del movimento operaio. Il comunismo è andato al potere contro le vecchie classi dirigenti aristocratiche, borghesi, contro le potenze coloniali; ha dovuto superare uno scontro mortale, che ha finito per produrre la militarizzazione e la deformazione del suo esperimento. Il fascismo ha abolito le libertà dello stato liberale. Il comunismo non aveva da abolire le libertà dello zarismo. Il fascismo era contro le libertà formali. Il comunismo le considerava insufficienti, per la liberazione dell’essere umano e non si preoccupava di negarne la promozione per realizzare l’uguaglianza. Il fascismo fu nemico della libertà. Il comunismo ne sottovalutò l’importanza.

La distinzione nel comunismo tra ideale e reale è schematica, ma aiuta a cogliere la contraddizione tra mezzi e fini, presente nel comunismo e per molti aspetti anche nel liberalismo e nel cristianesimo. Invece, del tutto assente nel nazifascismo. Si tratta di una contraddizione importante, perché consente di sottoporre a critica le proprie realizzazioni dal punto di vista del proprio pensiero. Per oppormi allo stalinismo, non ho bisogno di attingere al liberalismo; il comunismo mi dà già gli strumenti per poterlo fare. La prima critica radicale all’impianto sovietico, proposto dal Che fare di Lenin, viene dalla comunista Rosa Luxemburg e dal comunista Leon Trockij. Peraltro, i comunisti si sentivano eredi e continuatori dei liberali della rivoluzione francese, che abbatterono con violenza l’ancien regime, l’atto fondativo della storia e società contemporanea.

Anche gli ideali influenzano la storia. Ma cos’è la storia (concreta)? Riguarda solo la dimensione del potere, per cui si entra nella storia quando si conquista il potere e se ne esce quando lo si perde e tutta la storia è solo la gestione di quel potere? Con questo criterio è impossibile valutare il femminismo, l’ambientalismo, il pacifismo e tutto ciò che è diverso dalla forma di un potere costituito. Il comunismo è stato in alcune parti del mondo un insieme di regimi, in altre è stato un movimento politico e sociale che ha agito, concretamente, nell’alleanza antifascista della seconda guerra mondiale, nelle guerre di liberazione, nella decolonizzazione, nelle terre, nelle fabbriche, nei quartieri, nelle istituzioni democratiche. Tutto l’insieme è concreta realizzazione storica. È storia l’operaio che non s’inchina più davanti al padrone, perché nel divenire comunista ha realizzato la sua dignità.

Vi sono stati autoritarismi e dittature, nell’Europa meridionale, in America latina, in Indonesia, nell’Iran fondamentalista, che per potersi affermare, hanno dovuto sbarazzarsi di quella storia concreta ed eliminare fisicamente centinaia di migliaia di comunisti. Tante vittime dello stalinismo e del maoismo furono comuniste. In tanta parte del mondo, il comunismo, a differenza del fascismo, è stato un concorrente morale del cristianesimo. Si può capire la tentazione di alcuni cattolici di far fuori la concorrenza con un’equiparazione scorretta. Eppure rimane significativa la distinzione fatta da un cattolico conservatore molto importante: papa Woityla: il nazifascismo fu un male assoluto, il comunismo, un male necessario.

Le analogie sulla violenza e l’autoritarismo si possono fare. La citazione di Ernesto Balducci, che scriveva sull’Unità, organo del partito comunista italiano, permette di farne anche con la storia della chiesa cattolica (i templari, le crociate) e la storia degli stati liberali (il colonialismo, l’imperialismo); con la nostra stessa vicenda contemporanea. Persino il professor Mancuso, che rifiuta in assoluto la violenza, accetta la violenza (per lui necessaria) delle politiche di contrasto alle migrazioni, perché teme una violenza più grande (o a lui più prossima), la violenza della paura xenofoba, quindi il fascismo (non il comunismo). Il rifiuto assoluto della violenza può tradursi nel rifiuto di tutta la storia degli uomini, intesi come maschi – la violenza è sempre stata maschile – almeno dal principio del patriarcato. C’è più essenza in quell’origine, che in questa o quella ideologia, questa o quella religione, perché insieme condividono, in tutto o in parte, quello stesso principio originario.


Riferimenti:
I post di Vito Mancuso sul comunismo [1] [2] [3] [4] [5] [6]
I post di Vito Mancuso sui migranti [1] [2]

Sul reato di apologia del fascismo

Rivista militare del 6 maggio 1938 alla presenza di Mussolini, Hitler e Vittorio Emanuele III, in via dei Trionfi.

Giusta la proposta di legge Fiano (PD) contro la propaganda fascista. I simboli unificano e mobilitano; l’ostentazione di una simbologia fascista sempre più esplicita, nelle campagne elettorali, nelle manifestazioni politiche e sportive, amplificata dalla comunicazione virtuale, insieme con la perdita della memoria e l’insorgere del razzismo, richiede di fare argine anche con la legge. Più complicato valutare la necessità di una nuova legge, dato che la propaganda fascista e razzista è già reato, per la legge Scelba (1952) e la legge Mancino (1993). Secondo il proponente, oltre ad aggravare le sanzioni alla propaganda sul web, la nuova legge ridurrà la discrezionalità dei giudici, per evitare sentenze come quella del Tribunale di Livorno che, nel marzo 2015, ha assolto quattro tifosi del Verona, accusati di aver fatto il saluto romano, un gesto considerato dal giudice non violento e discriminatorio in sé, anche perché compiuto durante una manifestazione sportiva e non politica.

La tolleranza del fascismo

Le obiezioni libertarie alla proposta di legge negano in radice il reato di apologia del fascismo: l’ordinamento democratico liberale, se vieta il fascismo, entra in contraddizione con se stesso, e al fascismo si rende simile. In effetti, il divieto costituzionale di riorganizzazione del partito fascista si presenta come eccezione alla regola. Esso ha un fondamento storico: l’Italia liberale non bandì il fascismo e ne fu sopraffatta; la democrazia repubblicana invece è nata e si è costruita nell’antifascismo. L’idea che la democrazia debba difendersi dalle minacce antidemocratiche, senza tollerare gli intolleranti è pur presente nel pensiero liberale da Popper a Bobbio. La libertà d’opinione, riguarda appunto le opinioni: pensieri un minimo strutturati, che stanno sul piano del discorso razionale, nel confronto tra argomentazioni e confutazioni, non su quello viscerale dei messaggi pulsionali di violenza e di odio, tipici del fascismo.

Molta tolleranza nei confronti del fascismo aderisce al revisionismo storico e considera il regime di Mussolini una dittatura benevola, che ha fatto anche cose buone. Il centrodestra italiano e poi il M5S, nella loro strategia del consenso, non hanno mai messo limiti netti all’estrema destra, tanto da condividerne e interpretarne molti umori: l’ostilità ai comunisti, ai sindacati, alle istituzioni, agli stranieri e ai diversi, l’autoritarismo, l’aggressività, l’ammirazione per l’uomo forte, il qualunquismo, il familismo, il maschilismo, l’indifferenza per la verità. Espressioni recenti di questo parafascismo si sono viste negli insulti antisemiti contro Emanuele Fiano e nell’ultima virulenta fake-news contro Laura Boldrini, accusata di voler abbattere l’arte e i monumenti fascisti. Pesano, infine, le relazioni personali, come nella vicenda di Calderoli, assolto in senato dall’accusa di razzismo, pure con il voto di molti parlamentari di sinistra che dichiaravano di conoscerlo come una brava persona.

L’anticomunismo

Alcuni tolleranti ricordano che non tutto l’antifascismo fu democratico; secondo loro dovrebbe quindi valere anche il reato di apologia del comunismo. Una ritorsione retorica priva di senso storico: nella seconda guerra mondiale, il fascismo fu sconfitto dall’alleanza tra democrazia e comunismo; in Italia i comunisti svolsero un ruolo fondamentale e pagarono il prezzo più alto nella costruzione e nella difesa della democrazia, come pure in Francia, Spagna e Portogallo; dove andarono al potere, i comunisti abbatterono regimi feudali e autoritari, non abolirono una libertà che non c’era, ebbero la colpa di non promuoverla e di riprodurre la tradizione autoritaria; nella crisi dei regimi dell’est, la transizione democratica, fu guidata, o non ostacolata, dagli stessi partiti comunisti ancora al potere, contro i quali le opposizioni non fecero una guerra di liberazione. infine, vi fu nel comunismo, come in fondo nel liberalismo e nel cristianesimo, una evidente contraddizione tra mezzi e fini, per cui chi è comunista oggi (e pure ieri) si richiama agli ideali e non ai regimi. Stalinista è un’accusa o un insulto tra i comunisti. Nulla del genere vale per mussoliniano tra i fascisti, i quali nel rapporto tra mezzi e fini furono e restano coerenti.

L’incoerenza dei democratici

Bene perseguire la propaganda fascista. Ma, come è stato detto, il fascismo si combatte sul piano culturale. Ciò significa, oltre che studiare e far studiare la storia, dare il buon esempio. Esempi cattivi sono il leaderismo che si rapporta al popolo e si contrappone ai corpi intermedi, o che asseconda il dileggio e l’insulto nei confronti dei suoi dissidenti; i progetti di riforma elettorale e costituzionale che rafforzano il governo e indeboliscono il parlamento, accompagnati da slogan inneggianti alla riduzione del numero dei politici; le retoriche antieuropee, il linguaggio xenofobo che i migranti vuole aiutarli a casa loro, la politica ambigua che rinvia l’approvazione dello Ius soli. Il fascismo si combatte anche sul piano economico e sociale, poiché esso trae alimento dalla guerra tra poveri, da una base sociale di ceti medi proletarizzati, lavoratori precari, giovani esclusi. La politica liberista che scambia i diritti con il lavoro, redistribuisce le risorse alla rovescia, riduce le tasse ai ricchi e mette sempre più a rischio lo stato sociale, allarga la base sociale potenziale del fascismo e va in senso contrario alla difesa della democrazia. Dunque, una questione di coerenza si pone ai democratici. Proprio a quelli del PD.


Riferimenti:
[^] Proposta di legge Fiano
[^] Legge Scelba
[^] Legge Mancino

Destra e Sinistra, un dualismo di sinistra

Stati generaliDestra e sinistra è un dualismo a cui sono affezionato. Lo considero ancora il migliore, il più laico dei dualismi, il più di sinistra. Dico subito che questo dualismo nella mia mente ha poca relazione con il bipolarismo dei partiti e delle coalizioni. Da circa vent’anni, il sistema bipolare in Italia è un confronto tra due destre.

In parte, è così anche in altri paesi dove le socialdemocrazie hanno via via ceduto il passo al neoliberismo, in conseguenza della perdita di potere degli stati di fronte alla globalizzazione del capitalismo finanziario: in competizione tra loro, per attrarre crediti e investimenti esteri, molti stati hanno disarmato la loro democrazia e questo ha limitato la possibilità di una politica di sinistra entro i soli confini nazionali.

Alcuni aderiscono o si arrendono a questa realtà e si ritrovano a destra (in senso liberista). Altri provano a resistere nei loro paesi, a lottare per democratizzare le istituzioni sovranazionali e continuano ad essere di sinistra (in senso socialista). Altri ancora vogliono resuscitare il nazionalismo e sono di destra (in senso fascista).

Così descritta, ne risulta una tripartizione. In realtà, permane il dualismo a secondo delle posizioni che i tre gruppi assumono. I socialisti (o i comunisti), se coerenti con se stessi, sono sempre a sinistra, sia sul piano dei diritti civili, sia sui diritti politici, sia sui diritti sociali. I liberisti possono essere a sinistra sui diritti civili, oscillare sui diritti politici ed essere a destra sui diritti sociali. I fascisti sono a destra sui diritti civili e politici e possono ritrovarsi a sinistra, se collocati all’opposizione, sui diritti sociali.

In Italia – mi rendo conto dello schematismo – tendo a vedere la Lega Nord e il M5S nel fascismo, Forza Italia e il PD nel liberismo, la minoranza PD e tutta l’area della ex Lista Tsipras nel socialismo. Oltre i partiti, e forse ormai più importanti di loro, vedo a sinistra molta realtà dei movimenti sociali e culturali di liberazione: il sindacalismo, il pacifismo, l’ambientalismo, il femminismo. A destra colloco invece un elemento più indefinito, una zona grigia, un ventre molle, uno stare alla finestra, un elemento passivo, un tempo base di consenso del fascismo, poi del centrismo democristiano, poi di Berlusconi e oggi di Renzi. Qualcuno che ne pensa meglio credo la chiami maggioranza silenziosa.

La sinistra è, infine – e questo la fa molto bella – una ammissione e una rivendicazione di parzialità. La persona di sinistra è di sinistra. La persona di destra tante volte non è né di destra né di sinistra. Si autorappresenta come il tutto: vuole essere la nazione, il popolo, oppure dio, patria e famiglia, o anche solo la barca quando dice che siamo tutti sulla stessa barca, e per essere il tutto propone altri dualismi in cui uno dei due deve essere soltanto fatto fuori: è la società civile contro i professionisti della politica; il nord contro Roma ladrona; gli italiani contro gli stranieri; i produttori contro i fannulloni, i cittadini contro lo stato (le regole, le tasse e la spesa pubblica). I suoi nemici sono scelti in genere tra i tradizionali capri espiatori: gli ebrei (oggi anche i musulmani), i gay, i neri, le donne, i comunisti. Un altro modo di essere il tutto per l’individuo di destra è quello di dichiararsi di sinistra, per poter occupare tutte le posizioni.

Destra e sinistra le vedo come due sistemi di valori, il primo incentrato sulla gerarchia, la competizione, il comando; il secondo sulla tensione verso l’uguaglianza e la valorizzazione delle differenze, la solidarietà e la cooperazione, la rappresentanza e la partecipazione democratica. Uso più parole per dire dei valori della sinistra, perché la sinistra è più complessa e cambiare il mondo in senso democratico e socialista è molto più complicato dell’adesione o della resa alla sua realtà.

Che male c’è ad abbattere un monumento fascista?

obelisco foro italico 1La penso come questo partigiano: l’Italia andrebbe ripulita dai monumenti fascisti, compreso l’obelisco del Foro Italico con la scritta «Mussolini Dux». Ad imitazione delle opere egizie, l’obelisco fu ricavato da un blocco di marmo di Carrara ed eretto a Roma nel 1932, in onore di Benito Mussolini. Che vada demolito è la mia opinione, una cosa per cui potrei aderire ad una petizione, scrivere un post come sto facendo, e nulla più. Laura Boldrini, nel rispondere al partigiano, ha detto che quanto meno la scritta si potrebbe togliere. E’ la sua opinione, una piccola mossa di contenimento. Che ha scatenato un coro di invettive amplificate e incentivate da alcuni giornali per generare traffico sui social media o perchè in dissenso con la presidente della Camera. A cui sono attribuite volontà iconoclaste, propositi di cancellazione della storia, della memoria, ignoranza, e la si mette sullo stesso piano dell’Isis che distrugge opere d’arte. Sulla criniera della protesta si sono posate le dichiarazioni di vari esponenti politici, dal PD a Forza Nuova, e di qualche reduce delle risse televisive degli anni ’90, a tutela dell’arte e della memoria nazionale.

La memoria nazionale, però, è tutt’altro che condivisa. Nonostante la Costituzione, la società italiana è ancora oggi sia fascista, sia antifascista, con un’ampia zona grigia in mezzo. Allora si può ritenere che il conflitto sui simboli sia opportuno, perchè l’egemonia si fa anche con la toponomastica, come pensava Antonio Gramsci. Oppure si può ritenere che il conflitto sui simboli sia inopportuno, perchè divisivo, come deve aver pensato Matteo Orfini. Ma dire che l’Italia è ormai un paese antifascista e il fascismo solo parte della sua storia passata, per cui i monumenti eretti per celebrare il regime sono sempre e comunque da preservare, equivale a razionalizzare la realtà. Per evitare di cambiarla.

Le cose invece cambiano, come cambiano i modi di ricordare. Quando cadono i regimi insieme possono cadere i loro monumenti e i loro edifici. Nel 2003 fu abbattata in Iraq la gigantesca statua di Saddam Hussein, nel 1989 furono abbattute molte statue di Lenin e di Stalin. Fu abbattuto il Muro di Berlino. Eppure era tutta storia di quei paesi. Nessuno si permette di vedere in quei demolitori dei precursori dell’Isis. Nè di presumere che allora andasse fatta fuori tutta l’architettura e l’urbanistica di quei paesi. E’ ovvio che solo alcune opere hanno un diretto significato politico, volto a magnificare e glorificare. Se in Germania trovassimo un importante monumento che inneggia al Führer, ne rimarremo male impressionati. Possiamo ritenere in Italia di essere fuori tempo massimo a 70 anni dalla Liberazione. Ma il revisionismo e la diffusa intolleranza e violenza verbale in reazione alla risposta di Laura Boldrini ad un partigiano fanno pensare che siamo invece soltanto in ritardo. In ogni caso, il sentimento di un partigiano che prova disagio di fronte ad una monumentale celebrazione del duce, condiviso o meno, merita rispetto e considerazione. Se la sua proposta non piace, la si può lasciare cadere, non è necessario formare l’unità nazionale fino con la destra più estrema, in difesa di un esplicito simbolo del regime fascista e del culto della personalità del duce.