Solidarietà ad Arcilesbica

Arcilesbica

La pagina facebook di Arcilesbica ha linkato l’articolo di una femminista americana. L’articolo tratta della differenza tra donne e transgender. L’autrice solidarizza con le lotte e i diritti delle persone transessuali, nello stesso tempo rivendica la differenza delle donne, spazi di autonomia e di separazione: in alcune discussioni, per esempio sulla maternità, sull’allattamento al seno in pubblico, sull’aborto; in alcuni luoghi, per esempio, nell’accesso ai centri antiviolenza, agli spogliatoi, ai bagni pubblici.

Il link dell’articolo ha suscitato una reazione molto intollerante. Centinaia di commenti offensivi e violenti accusano Arcilesbica di essere transfobica, bigotta, misandrica, le rinfacciano l’opposizione alla gpa, e ne invocano l’espulsione dal movimento LGBT. Ad animare l’offensiva sono soprattutto uomini. Ad accusare Arcilesbica sono stati anche il movimento identità trans e il circolo Mario Mieli di Roma.

Arcilesbica si è difesa da questa ondata di bullismo, con un richiamo al senso delle proporzioni: è stato solo pubblicato un articolo che voleva essere uno spunto di riflessione; con la difesa dell’autonomia delle donne; e con la comprensione del fatto che l’autrice dell’articolo è una vittima di violenza sessuale, con tutto il diritto di sentirsi a disagio in presenza di corpi maschili in determinate situazioni.

L’articolo l’ho letto con qualche fatica, perché scritto in inglese. Forse toni ed argomenti sono più adatti al pubblico americano e meno comprensibili dal pubblico in Italia, dove il politically correct è poco osservato. Tuttavia, nell’insieme, mi è parso un discorso accettabile, anche senza la giustificazione di un trauma. Io sono un uomo. Mi sento solidale con il femminismo. Non ho paura delle donne. Eppure, per ragioni di imbarazzo e pudore, preferisco non trovare una donna nello spogliatoio maschile; non essere visitato da una medica, almeno per alcune visite; e posso pure avere desiderio, in certe discussioni, di ritrovarmi solo tra uomini. La condivisione di alcuni spazi con le donne, non è, secondo me, una faccenda di norme e regole da stabilire a priori e da applicare in modo automatico; è una questione relazionale.

Sono punti di vista che si possono non condividere, senza perdere il senso del rispetto e della civiltà. Le accuse di convergenza con i cattolici integralisti, sono un cattivo argomento. Anche gli accusatori di Arcilesbica possono trovare le loro brutte convergenze nelle pagine revansciste e ingannevoli degli MRA.

Io rifiuto e condanno l’idea che un gruppo umano possa essere considerato peggiore o inferiore e, quindi, discriminato ed escluso dai diritti civili, politici e sociali. Questo non significa che le differenze siano soltanto un dispositivo discriminatorio e vadano perciò negate e rimosse, pena lo scadere nella discriminazione penalizzante.

Il principio originario della violenza e dell’esclusione è la misoginia patriarcale, la pretesa maschile di avere sempre certezza del sostegno, dell’accoglienza e della disponibilità femminile. Perciò, fa impressione vedere in atto un linciaggio simbolico ad opera di molti uomini del movimento contro un’associazione di donne. A cui, per quello che vale, va tutta la mia solidarietà.



Riferimenti:
[^] Risposta di Arcilesbica al circolo Mario Mieli
[^] Risposta di Arcilesbica al movimento identità trans
[^] I am a Woman. You are a Trans Woman. And That Distinction Matters

L’accusa abusiva di omofobia

Lgbt Israel

L’omofobia è l’avversione nei confronti degli omosessuali o il timore ossessivo di scoprirsi omosessuale. Un odio figlio della misoginia: sono soprattutto i maschi a disprezzare i gay, perché li vedono nella posizione femminile; per converso, l’omofobia è poco sentita dalle donne e colpisce meno le lesbiche. Dato che l’omofobia causa discriminazioni, intolleranza, e violenza il movimento LGBT chiede sia perseguita come reato. L’accusa di omofobia, per le persone civili, democratiche e progressiste, è dunque grave e infamante.

Ciò nonostante, parte dell’attivismo gay non esita ad accusare di omofobia le femministe contrarie alla gestazione per altri (gpa). L’accusa vuole reggersi su argomenti di questo tipo:

  • l’opposizione femminista alla gpa sarebbe iniziata solo di recente, per via dell’emergere di coppie gay omogenitoriali;
  • l’opposizione femminista coinciderebbe con quella cattolica e tradizionalista, qualcuno arriva a dire: fascista;
  • la genitorialità biologica omosessuale sarebbe un diritto a cui la tecnoscienza permette ormai di accedere e negarlo equivarrebbe ad una discriminazione.

Nessuno di questi argomenti, però, sembra voler davvero interloquire con le argomentazioni femministe.

  • Il femminismo affronta il tema della gpa fin dagli anni ’80. È l’opinione pubblica a mostrarsi interessata solo di recente, da quando la diffusione della gpa ha posto agli stati la questione della legalità: il formarsi di una industria e di un mercato esige una regolamentazione, prima di tutto a tutela di committenti, imprenditori, operatori e intermediari; il fatto che ci sia di mezzo un bambino richiede l’autorizzazione del suo affidamento. Così, in molti paesi, sono state promosse iniziative per legalizzare la gpa e, in risposta, per abrograre le legalizzazioni. Il dibattito si è diffuso e radicalizzato soprattutto sui social media (esistenti da pochi anni). Nel dibattito, alcuni maschi gay hanno fatto della gpa una bandiera; solo in questo senso sono diventati una parte in causa più esposta di altre.
  • La convergenza con i cattolici non è di per sé più sconveniente di quella con i neoliberisti; peraltro, Italia a parte, in Europa l’essere a favore della gpa è più di destra che di sinistra. I cattolici non hanno sempre torto e con loro si può essere d’accordo sulla solidarietà sociale, l’accoglienza dei migranti, l’opposizione all’eugenetica, l’abolizione della schiavitù. Tuttavia, sulla gpa, le motivazioni dell’opposizione sono diverse: mentre per i cattolici si tratta di difendere la famiglia naturale basata sul rapporto tra un uomo e una donna, per le femministe si tratta di contrastare lo sfruttamento e la strumentalizzazione del corpo della donna, delle sue funzioni procreative, e di difendere la relazione tra madre e figlio, la relazione materna, che viene scorporata e spezzata dalla gpa.
  • Secondo le femministe, la genitorialità è una possibilità, non un diritto: i desideri non sono diritti. Attribuire diritti ad alcuni, implica attribuire ad altri il dovere di corrisponderli. Le donne non hanno il dovere di corrispondere il desiderio di genitorialità degli uomini, neanche se omosessuali. Anzi, gli uomini non devono più poter asservire il potere generativo materno ai propri desideri. La libertà ed il potere procreativo delle donne non devono essere imbrigliati e vincolati da una legge o da un contratto.

Queste idee possono piacere o meno, ma non c’entrano con l’omofobia, salvo banalizzare ed estendere il concetto, fino a fargli perdere qualsiasi significato serio, per l’esigenza di screditare e censurare gli avversari (in questo caso, le avversarie). Un abuso propagandistico simile è quello che Israele e i filoisraeliani fanno dell’accusa di antisemitismo contro i pacifisti, contando sulla confusione con un antisemitismo effettivamente esistente. L’accusa abusiva di omofobia dice della deriva identitaria di una parte del movimento omosessuale, che si sente tradita dal venir meno di un sostegno femminile dato per scontato, come fosse dovuto. E dice della volontà di compattare un fronte, dividere il campo in etero (tradizionalisti) e omo (progressisti), in modo da non fare i conti con la differenza sessuale, che però viene interpretata anche dall’opposizione alla gpa da parte di molte lesbiche. Un’opposizione spesso fronteggiata con un bullismo che mette i suoi praticanti in una posizione anche troppo maschile.