Sulle presidenziali francesi 2017

Al primo turno delle presidenziali francesi avrei votato per Hamon (socialista), o per Melenchon, (sinistra radicale), perché io sono di sinistra ed è nella logica del doppio turno, che al primo si voti il candidato più vicino e al secondo, eventualmente, il candidato meno lontano. Così al secondo turno voterei Macron, perché il liberalismo mi... Continue Reading →

Su crisi di governo ed elezioni anticipate

Se, dopo aver perso il referendum, Renzi debba dimettersi, riguarda solo la sua serietà. Nessun obbligo, però le dimissioni hanno senso se significano discontinuità. Tra tutte le alternative, la staffetta con un fedelissimo coadiuvato da un super fedelissimo, per gestire nomine e scadenze, secondo i desideri di rivincita del dimissionario, è la scelta più finta, peggio... Continue Reading →

L’uomo forte

Gianni Cuperlo, il più mite dirigente della sinistra democratica, definisce una intervista del ministro dei beni culturali Dario Franceschini come «l'espressione imbarazzante di una profonda disonestà politica e intellettuale». Nell'intervista, Franceschini indirizza alla minoranza di sinistra del suo partito una indicazione accusatoria: «Chi vuole affrontare il segretario dentro il Pd, lo sfidi al congresso; chi lo... Continue Reading →

L’uso abusivo di Iotti, Ingrao e Berlinguer

È almeno dall'estate scorsa, che dirigenti e militanti del PD usano citazioni di Enrico Berlinguer sul bicameralismo, per rappresentare lo storico segretario comunista nei panni di un ispiratore delle riforme costituzionali volute da Matteo Renzi e Maria Elena Boschi, sotto gli auspici di Giorgio Napolitano. Quel che rimane omesso in tali citazioni, è che Berlinguer, se era un monocameralista, era anche... Continue Reading →

La scorciatoia costituzionale

Giorgio Napolitano, citato da Angelo Panebianco, ha suddiviso gli oppositori della riforma costituzionale in tre gruppi. I conservatori; gli antirenziani; i perfezionisti. Dato il mio orientamento a votare no, ho pensato a quale gruppo potrei iscrivermi. Non al gruppo dei conservatori, che considerano la Costituzione intoccabile. Sono contrario al Senato non elettivo, ma favorevole all'abolizione... Continue Reading →

Davigo e la corruzione politica

Sono contro il qualunquismo e penso che la politica sia l'arte più nobile ed il migliore dei poteri. Per molto tempo, mi sono infervorato nello spiegare che i politici e i partiti non sono tutti uguali. Ciò nonostante, nel conflitto tra politica e magistratura, mi sento più solidale con la magistratura: riconosco più credibilità a... Continue Reading →

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: