Il calo degli sbarchi e la «svolta ignorata»

Numero di sbarchi in Italia nei primi sei mesi del 2015-2016-2017 - www.iom.int

Il Corriere della Sera riferisce di una svolta ignorata: ad agosto meno migranti sono sbarcati in Sicilia. Merito dei mafiosi libici che non aiutano più gli scafisti e della guardia costiera libica rinforzata dall’Italia. Il trasbordo reso più difficile avrebbe fatto diminuire pure i migranti giunti sulla costa nordafricana, quindi quelli stipati nei centri di detenzione libici. Perché la svolta è ignorata? Perché manca l’onestà intellettuale di riconoscere che le disposizioni governative («fasciste») sono riuscite a ridurre il flusso migratorio e la catastrofe umanitaria. Nel’’800 fu necessaria la guerra contro i negrieri per abolire la schiavitù, oggi è necessaria una guerra contro gli scafisti.

Il calo degli sbarchi è una buona notizia per il governo; può esibirla all’opposizione xenofoba. Più complicato il confronto con la critica umanitaria: la diminuzione degli arrivi è una buona notizia se meno esseri umani hanno bisogno di emigrare. Se invece il calo dipende dagli ostacoli opposti alle rotte, allora più della svolta, ignoriamo la sorte dei migranti mai arrivati: quanti morti in mare; quanti nel deserto; quanti costretti nei centri di detenzione libici; quanti imprigionati ai confini di zone invivibili; quanti diretti verso la Spagna, dove sono quadruplicati gli arrivi, o la Grecia?

Voler sigillare i confini di Libia, Ciad e Niger, può arginare i migranti, ma non risolve le cause emigratorie dei paesi poveri: guerra, diritti umani violati, carestie, incremento demografico, mutamento climatico. E neppure le cause immigratorie dei paesi ricchi: declino demografico, economia sommersa, rapporti coloniali. Quindi, la pressione migratoria insisterà per travolgere o, più probabile, per aggirare le barriere. I migranti sono ceto medio nei paesi d’origine, tanti, ma non abbastanza per essere masse di invasori; persone che per necessità o desiderio, vogliono emigrare, non schiavi rapiti e deportati. Se la guerra ai negrieri servì nell’800 per liberare gli schiavi in Europa e in America, la guerra agli scafisti serve oggi per imprigionare i migranti in Africa e in Asia, poiché per vie legali siamo indisponibili a farli venire.

Ne risulta una guerra ambigua: scafista, mafioso, miliziano, guardacoste libico possono essere gli stessi individui che, secondo la migliore offerta, favoriscono il trasbordo oppure, con gli stessi metodi violenti, lo impediscono. In un caso li combattiamo, nell’altro li paghiamo e addestriamo. Così facciamo con i regimi autoritari con cui stringiamo accordi. La preoccupazione europea che i migranti trattenuti siano ben trattati è una copertura verbale. Insieme, con i soldi e le armi, la non ingerenza fa parte dei patti. Aggravare i rischi delle traversate migratorie a scopo dissuasivo, con la scusa azzardata di voler ridurre il danno umanitario è un calcolo molto spregiudicato, che aggiunge ai nostri indicatori in declino quello morale. Questa è la vera svolta ignorata.


Riferimenti:
[^] Documento integrale del vertice di Parigi – HuffPost, 27.08.2017
[^] La guardia costiera libica non esiste – Il Post, 26.08.2017
[^] Migranti, in 7 mesi quadruplicati gli arrivi in Spagna – Sole24Ore, 11.08.2017
[^] Perché gli sbarchi sono diminuiti? – Il Post, 10.08.2017
[^] E se aprissimo tutte le frontiere del mondo? – The Economist, 20.07.2017

Il codice Minniti e le ONG nel Mediterraneo

Ong-Mediterrano-Migranti

Se preso sul serio, il codice Minniti sulla condotta delle ONG nel Mediterraneo è contestabile per tre ragioni: 1) rinforza la corrente xenofoba, al seguito della campagna contro le ONG, lo slogan «Aiutiamoli a casa loro», la rinuncia allo Ius Soli, persino temperato; 2) scavalca il diritto internazionale e le leggi della navigazione; 3) complica il salvataggio dei migranti, dunque rende più probabili le morti in mare. Negli ultimi qundici anni, trentamila persone sono affogate nel tentativo di traversare il Mediterraneo dall’Africa all’Europa.

Difficile credere che il codice voglia tutelare proprio le ONG. È stato promosso in modo enfatico, unilaterale e autoritario. Con l’intimazione rivolta alle ONG di scegliere da che parte stare: con lo stato o con gli scafisti. Con la motivazione di dover contemperare il salvataggio dei migranti con la sicurezza dei propri concittadini. Il ministro dell’Interno ha così avvalorato l’idea che i migranti siano una minaccia e che le ONG siano colluse con gli scafisti. Il risultato è che il discredito pubblico del soccorso in mare è aumentato, per impulso dello stesso governo.

Il codice non può essere applicato senza violare la neutralità delle ONG, nel caso della presenza imposta di poliziotti armati sulle loro navi; né può essere applicato senza violare il diritto internazionale e la legge del mare, nel caso la guardia costiera impedisca l’approdo ad un porto italiano di una barca carica di migranti, o ne rifiuti il trasbordo, o la respinga verso un paese dove non sono garantiti i diritti umani, come la Libia. È la questione posta dal ministro dei trasporti Del Rio, da cui dipende la guardia costiera.

Nel mettere al centro la lotta tra lo Stato e gli scafisti, la sorte dei migranti perde il valore prioritario e diventa una variabile dipendente. Il codice, nel voler reclutare le ONG nella lotta agli scafisti, rende più difficile soccorrere i migranti, evitare che affoghino o che rimangano negli infernali centri di detenzione libici. Il divieto di trasbordo obbliga una singola barca, anche se inadatta, a percorrere tutta la navigazione da una costa all’altra e, dunque, a rimanere più tempo lontana dalla costa libica. Inibire ogni possibilità di contatto con gli scafisti, fino a non poter neanche segnalare la propria presenza con le luci, significa rendere il soccorso molto più casuale e fortuito.

L’accusa mossa alle ONG è quella di usare i soccorsi per trasportare i migranti dall’Africa all’Europa. Ma il soccorso sta proprio nel convertire un trasporto pericoloso (sui gommoni) in un trasporto sicuro (sulle navi delle ONG e della guardia costiera). Il salvataggio non è solo da un pericolo imminente; lo è anche da un pericolo potenziale ad alto rischio. Le ONG fanno quello che dovrebbero fare gli Stati: organizzano corridoi umanitari per rispondere ad un disperato flusso migratorio. Lo facessero gli stati, o rendessero legale la possibilità per i migranti africani di raggiungere l’Europa, gli scafisti e i trafficanti non avrebbero più spazio. Ma la lotta agli scafisti è solo un modo per nobilitare la lotta ai migranti.

Io non dico che il governo è fascista. So che anche i democratici e la sinistra sono capaci di compiere cose orribili, per scarsa fiducia nel proprio popolo, con spirito amministrativo ed una retorica di copertura. Ogni situazione trova la sua parte migliore. Questa trova i cattolici. La speranza è che il codice Minniti non sia da prendere sul serio, ma sia solo una rappresentazione autoritaria, qualcosa da far percepire a chi ha paura per percezione, una simulazione ad uso e consumo del personale protagonismo del ministro dell’Interno e della campagna elettorale del PD, per stare al confronto con i populisti.


Riferimenti:
[^] Ong, le domande dimenticate – Laura Boldrini, Repubblica 12.08.2017
[^] Ong, modifiche al codice: così firma anche Sos Méditerranée – Alessandra Ziniti, Repubblica 11.08.2017
[^] Perché gli sbarchi sono diminuiti – Il Post 10.08.2017
[^] L’appello di Ong, intellettuali e sinistra: “Migranti, in corso uno sterminio di massa” – Matteo Pucciarelli, Repubblica 10.08.2017
[^] La Libia, le Ong, la politica del caos nel Mediterraneo – Barbara Spinelli, il manifesto 09.08.2017
[^] Il viceministro. Tra umanitari e istituzionali una fiducia da rinsaldare – Mario Giro, Avvenire 08.08.2017
[^] I dubbi di Delrio: “Se bisogna salvare vite, serve la nave più vicina” – Tommaso Ciriaco, Repubblica 08.08.2017
[^] Migranti, chi infligge colpi mortali al codice morale – Marco Revelli, il manifesto 08.08.2017
[^] Tutto il dibattito sulle Ong è completamente surreale – Sebastian Bendinelli, The Submarine 07.08.2017
[^] Torture, sovraffollamento, malnutrizione, caldo, malattie. L’inferno dei 12 centri di “accoglienza” libici – Umberto De Giovannangeli, HuffPost 07.08.2017
[^] Le manovre occulte di Defend Europe sull’indagine Iuventa – Andrea Palladino, Famiglia Cristiana 4.08.2017
[^] Quanti morti volete a Ferragosto? – Davide De Luca, Il Post 4.08.2017
[^] Il reato di solidarietà non esiste : i fatti e le norme. In difesa del principio di legalità. – Fulvio Vassallo Paleologo, Adif 3.08.2017
[^] Missione navale: Italia pronta a destinare rifugiati e migranti verso orribili violenze – Amnesty International 02.08.2017
[^] Migranti: i 13 impegni del Viminale per le Ong – Repubblica, 31.07.2017
[^] Perché difendo le Ong che salvano i migranti – Roberto Saviano, Repubblica 25.04.2017
[^] Negli ultimi 15 anni sono morti nel Mediterraneo oltre 30mila migranti. La maggior parte resta ancora senza un nome – Marco Sarti, Linkiesta 17.03.2017