Far passare l’idea che sia cool

A proposito di autodeterminazione

Valentina Nappi

In una intervista al Corriere della Sera, Valentina Nappi sostiene che il sesso femminile può smettere di essere merce di scambio solo se smette di essere una risorsa scarsa e diventa disponibile per tutti. Se anche l’operaio (e non solo il boss della situazione) potesse essere soddisfatto, non avrebbe più senso usare una posizione di potere per ottenere quello che tutti hanno a portata di mano. La carne femminile dovrebbe diventare attingibile come l’aria. Non si può obbligare tutte a fare sesso con tutti, però si può usare l’arma delle mode, dell’influenza mediatica sulla psicologia di massa: possiamo far passare l’idea che sia cool essere come Valentina Nappi e che sia invece out essere sessualmente selettive. Alle ragazze bisogna dire: se volete essere chic e moralmente superiori datela a tutti, ai perdenti, agli emarginati, ai neri, anche a costo di vincere l’istinto di preferire i vincenti.

Oltre al rischio di rimanere incinta, l’attrice non affronta la questione delle donne che preferiscono gli uomini belli, simpatici, interessanti, giovani e rifiutano i brutti, antipatici, noiosi, vecchi. Tolti di mezzo i veri o presunti criteri di selezione sociale, rimangono quelli di selezione naturale, che funzionano per gli stessi maschi, i quali vedono come risorsa scarsa, non il sesso femminile in generale, ma il sesso delle giovani e carine, quelle non corrispondenti a sé, ma di valore attraente superiore. E, come tutte, non è che siano indisponibili per definizione. Possono essere disponibili: mediatamente invece che immediatamente, poiché si tratta di esseri umani. La grande difficoltà maschile non è l’indisponibilità femminile, ma il relazionarsi con le donne.

L’intervista mostra bene i limiti dei concetti di libertà e autodeterminazione. Nessuno mette in dubbio che Valentina Nappi sia una donna libera e autodeterminata. Anche consapevole, perché no? Ciascuno di noi a suo modo lo è, ed agisce tanta libertà e tanta autodeterminazione sulla parte variabile di sé. Cosa sono io (parte invariabile) e cosa ne faccio (parte variabile). Valentina Nappi pensa di essere una risorsa di carne femminile (invariabile); di cui lei decide il prezzo e la disponibilità (variabile). Come sia arrivata a pensarsi risorsa, che può solo scegliere di essere rara o disponibile, non è diverso da come lei pensa di condizionare tutte a darsi disponibili, con la differenza che non si è trattato di una moda, ma di una cultura secolare. Il metterla in discussione non è un attentato alla (limitata) libertà autodeterminata.